Il gioco patologico e le nuove dipendenze

Cura dipendenze da gioco a Padova

Alle dipendenze da sostanza e alcol si aggiungono sempre più forme nuove di dipendenza, che possiamo definire comportamentali: interessi e modi di agire compulsivi, ripetitivi, che sfuggono al controllo della persona. Uno di questi è il gioco d’azzardo, diventato un’emergenza sociale, che si diffonde anche a causa della moltiplicazione dei punti di attrazione ormai alla portata di tutti, di persone di ogni età ed estrazione socio-culturale (gratta e vinci, poker on line, slot machine), ben al di là dei luoghi di ritrovo più tradizionali (casinò, bingo, sale da gioco e di scommesse).

Altre forme di dipendenza riguardano l’abuso di internet, la sessualità praticata in modo compulsivo e promiscuo, talvolta anche a rischio dell’integrità fisica e della salute, oltre che la sessualità virtuale tramite internet e social media come il cybersex (frequentazione di siti porno, diffusione e scambio di immagini sessuali proprie e altrui, partecipazione a chat che trattano tematiche sessuali “spinte”).

Queste “nuove dipendenze” hanno in comune il fatto di essere veicolate o facilitate dalle più moderne forme di comunicazione e relazione sociale, che permettono di coinvolgere il singolo individuo, spesso senza che nemmeno si accorga di oltrepassare il labile confine che separa un interesse abituale da una dipendenza.

Il disturbo diventa conclamato di solito quando provoca sempre più gravi e alla lunga insostenibili conseguenze nella vita personale, relazionale, familiare. Allora è indispensabile seguire un trattamento terapeutico e riabilitativo, senza il quale anche la buona volontà e le migliori intenzioni di smettere non bastano ad ottenere una guarigione duratura, come succede anche nelle dipendenze più tradizionali da sostanza e da alcol. Ma prima ancora un’adeguata sensibilizzazione a questi tipi di comportamento a rischio può svolgere una funzione preventiva o di avviamento alla cura, promuovendo la consapevolezza delle vulnerabilità emotive e intellettive

che possono esporre alla dipendenza.

Quando il disturbo diventa conclamato, di solito per le gravi e alla lunga insostenibili conseguenze nella vita personale, relazionale, familiare, diventa indispensabile seguire un trattamento terapeutico e riabilitativo, senza il quale anche le migliori intenzioni di norma non bastano ad ottenere una guarigione duratura. Ma prima ancora un’adeguata sensibilizzazione pubblica a questi tipi di comportamento a rischio può svolgere una funzione preventiva o di avviamento alla cura, promuovendo la consapevolezza dei fattori di rischio sociali e culturali che possono essere disinnescati.